30 settembre/ Belle ciao/ In piazza con le donne iraniane/ Nuove adesioni

L’Arci di Como aderisce insieme alla Cgil, Como senza frontiere e a tanti altri soggetti colletivi e persone alla presenza organizata dalle Donne in nero venerdì 30 settembre dalle 18,30 alle 20,30 in piazza San Fedele. Hanno già aderito Arci, Arcigay, Como Pride, Uds, Como senza frontiere, Cgil, Non una di meno, Coordinamento comasco per la Pace, Sinistra Italiana, Psi, Pd, Cisl, Uil, Scuola d’italiano per donne straniere, Socialisti in Movimento, Svolta civica, Articolo uno, Prc, Osservatorio democratico sulle nuove destre, M5s, Emergency Como, Anpi, Auser, Centro studi schiavi di Hitler, Europa Verde, Chiara Braga (deputata Pd), Devis Dori (deputato Alleanza Verdi e Sinistra). Presto in questo post altre adesioni. Si prega invitare condividendo l’evento fb https://fb.me/e/4KPsFSP98.

 

Belle ciao. Per Mahsa, per Hadis Per tutte le ragazze dai lunghi capelli che manifestano in Iran. Mahsa Amini era una giovane curda iraniana di 22 anni, tratta in arresto il 13 settembre 2022 dalla polizia di Teheran per pochi capelli non coperti dall’hijab, il velo islamico “indossato male”. È morta durante la custodia in commissariato.

Nell’ultimo video prima di essere uccisa, Hadis Najafi, tolto il velo, si legava i lunghi capelli biondi, pronta a unirsi alle manifestazioni in nome Mahsa. Pochi secondi che raccontano la determinazione delle ventenni in lotta per i loro diritti in Iran. Hadis non è più tornata a casa, il 17 settembre. Avrebbe compiuto 24 anni tra un mese, è stata uccisa perché voleva essere libera.

Migliaia di giovani, soprattutto donne, stanno scendendo in piazza in questi giorni, sfidando la repressione per denunciare l’ennesima violenza del regime, manifestare contro uno stato teocratico e fondamentalista, chiedere libertà democrazia, diritti.

Il governo di Teheran oltre a reprimere nel sangue le manifestazioni – sono 700 le persone arrestate e oltre 70 quelle uccise, tra cui Hadis Najafi, brutalmente assassinata per aver sfidato la “polizia morale” a capo scoperto – sta bloccando l’accesso ai social, unico veicolo per denunciare violenze, arresti arbitrari di donne, torture e stupri a cui sono sottoposte nelle carceri. Continuiamo a illuminare quanto sta accadendo in Iran. La mobilitazione è, oggi più che mai indispensabile contro la negazione della libertà di espressione e dei più elementari diritti, contro ogni discriminazione da parte di un regime che annienta chi la pensa diversamente.

Unitevi a noi Donne in nero il 30 settembre alle 18.30 in piazza San Fedele a Como per cantare insieme Bella ciao, come fanno nelle piazze in Iran e come abbiamo visto fare da una giovane donna coraggiosa in un video toccante, sfuggito alle maglie della censura iraniana e diventato virale.

È il nostro modo per stare accanto ai tanti e alle tante giovani e alle loro madri che in Iran chiedono libertà, democrazia, diritti, giustizia per Mahsa, per Hadis e per tutte le Mahsa e le Hadis del mondo.

[Celeste Grossi, Donne in nero]

Si prega invitare condividendo l’evento fb https://fb.me/e/4KPsFSP98

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square